sabato 13 dicembre 2014

Recensione: Tutto ciò che sappiamo dell'amore - Colleen Hoover

Scusate! No, non mi hanno rapita gli alieni, ma tra la scuola e i preparativi per Natale... aiuto!  Spero di poter essere più presente questa settimana e intanto vi lascio la prima recensione della Hoover. Preparatevi: ne arriveranno altre! 

TUTTO CIÒ CHE SAPPIAMO DELL'AMORE - COLLEEN HOOVER

TITOLO: Tutto ciò che sappiamo dell’amore 
AUTORE: Colleen Hoover
COLLANA:  Rizzoli Narrativa
PREZZO (RILEGATO): 16,00€
PREZZO (EBOOK): 4,99€
TRAMA: Lake arriva in Michigan dopo la morte del padre, rassegnata ad affrontare un nuovo, faticoso inizio. La risalita appare all'improvviso dolce grazie a Will, il vicino di casa, a sua volta costretto dalla vita a crescere in fretta. L'intesa è immediata, ma il primo giorno nella nuova scuola Lake scopre che il loro è un amore impossibile: Will è uno dei suoi professori - giovanissimo, ma dall'altra parte della barricata. Altrettanto impossibile allontanarsi, dimenticarsi, rinunciare: e così Lake e Will si parlano attraverso la poesia, anzi, le poesie, in pubblico ma in segreto, servendosi di uno slam - una gara di versi - per dirsi tutto ciò che devono e vogliono dirsi. Alla fine è qualcosa di molto semplice, di essenziale: tutto ciò che sappiamo dell'amore è che l'amore è tutto, come ha scritto Emily Dickinson a nome di tutti noi.

Avevo iniziato Tutto ciò che sappiamo dell'amore più di un anno fa. Era il luglio 2013 e dovevo partire per un corso pre-universitario. Me lo ero portato dietro nel tablet e avevo iniziato a leggerlo la sera, arrivando al capitolo tre. Poi quella sorta di vacanza aveva preso una piega piacevole: ero fuori tutte le sere e il povero romanzo rimaneva lì, interrotto. Mi ero completamente dimenticata di lui finché, qualche giorno fa, aggiungendo alla lista dei buoni propositi "recuperare tutti i romanzi di Colleen Hoover" l'ho ripreso in mano, recuperandolo da capo. E questa volta, l'ho finito!
Ovviamente non è stata una faticaccia. Anzi, chiedermi perché l'abbia lasciato in sospeso per così tanto tempo è una domanda più che lecita, perché è stata una lettura che mi ha preso molto, tanto che l'ho conclusa in pochi giorni e muoio dalla voglia, prima o poi (probabilmente molto poi che prima) di leggerlo in lingua per vedere come suonano le poesie. Sì, perché la cosa che rende particolare questo libro è la presenza di poesie, strettamente legate alla storia, che donano quel qualcosa in più. Non a caso il titolo originale del romanzo è slammed, che si riferisce a competizioni poetiche che giocano un ruolo di primo piano nella vicenda.
Riassumendo, in breve, Layken, la protagonista, in seguito alla morte del padre, si trasferisce in Michigan con la madre e il fratellino e qui incontra il bellissimo, stupendo (e chi più ne ha più ne metta) vicino di casa, Will. I due iniziano a frequentarsi ma ben presto devono fare i conti con la realtà: Will è il professore di Lake.
Ora, all'inizio ci sono rimasta di sasso perché Will ha solo ventuno anni, e in Italia la cosa sarebbe praticamente impossibile: invece in America può accadere sul serio (e mi è stato anche confermato da un'americana che conosco!)
Sorvolato questo piccolo intoppo iniziale, che aveva un attimo minato, dal mio punto di vista, la credibilità della storia, (volevo leggere un romanzo young adults, non un paranormal!) mi sono concentrata più sui personaggi e sulla narrazione.
Will e Lake, infatti, sono perfetti insieme e morivo dalla voglia di gridarglielo attraverso le pagine, ogni qual volta si presentava un ostacolo che metteva in pericolo la loro relazione. Lake è una ragazza molto normale, e per questo devo dire che mi è piaciuta molto come personaggio: non è mai stata né troppo forte, né troppo spaurita, di fronte alle situazioni difficili che ha dovuto affrontare ha alternato momenti di coraggio ad altri di debolezza e forse è anche per questo che mi è risultato facile entrare in empatia con lei.
Will è invece un ragazzo molto dolce e responsabile, la persona più lontana dallo stereotipo di bad boy che si possa immaginare; eppure, nemmeno lui è perfetto: proprio per colpa della sua professione, e del forte senso della responsabilità che prova dei confronti del fratellino più piccolo, riesce lo stesso a ferire la povera Lake, provocandomi una certa stizza, tanto che, mentre leggevo, mi sentivo totalmente coinvolta nella storia,
Infatti, durante la lettura, ho provato molte emozioni differenti: gioia, quando le cose andavano bene, tristezza, rabbia... Lo stile della Hoover risulta dunque molto coinvolgente, e per questo sono riuscita ad apprezzare in maniera completa il romanzo.
Al di là dei protagonisti, sono ben sviluppati anche i personaggi secondari, come Eddie, che, al di là del nome, mi è sembrata una ragazza molto particolare, oltre che un'ottima amica per Lake, Gavin, il suo ragazzo e Julia, la madre della protagonista che,  se all'inizio mi pareva poco più di una sagoma, più andavo avanti con la lettura, più mi colpiva con la sua forza e i suoi consigli. 
Ma il tocco in più che rende Tutto ciò che sappiamo dell'amore un romanzo che vale la pena di leggere è la poesia. Poesia come il corso tenuto da Will a scuola e poesia come le competizioni di slam, che diventano delle vere svolte nella storia. Certo, se non si sopporta la poesia forse è meglio non iniziare nemmeno il libro, ma credo che la presenza dei componimenti dia quel tocco in più alla narrazione, arricchendola e rendendola più emozionante.
Per questo la mia valutazione complessiva è di quattro stelline e mezzo: non è forse la perfezione piena ma è un romanzo che mi è piaciuto veramente.

Ps: mi ha colpito anche la scelta di iniziare ogni capitolo con una citazione degli Avett Brothers, gruppo preferito dei protagonisti e anche dell'autrice, nonostante... non siano molto il mio genere!

9 commenti:

  1. Ciao Silbi! ♥ ah ah XD anche io in questo periodo sono sparita per qualche giorno :P Natale si avvicina e ci SOMMERGONO di verifiche... e poi si aggiungono alberi di natale da fare, regali da comprare eccetera eccetera :P Non ho ancora letto questo romanzo, ma ne ho sentito parlare davvero bene :3 E la tua recensione lo conferma ^^ Credo che i personaggi ben sviluppati siano un punto forte dei libri, perché ti rimangono dentro ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti i personaggi creati dalla Hoover sono perfetti (nel senso che sono realistici, tormentati, *si vede che l'adoro?) Per la scuola, io sono al primo anno di università e mi sento già col fiato sul collo. Considerando che per quanto mi piacciano le materie la matematica dell'università è praticamente incomprensibile (e io studio solo di quella) il tempo per la lettura si riduce sempre più...

      Elimina
  2. Assolutamente d'accordo *-*
    Bellissimo! E te lo dice una che non va molto d'accordo né con la poesia né con gli young adult in generale!
    Anzi, per dirla tutta, la poesia è quello che mi è piaciuto di più **

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già la poesia è stato proprio uno spunto vincente per renderlo originale e diverso dal solito *-*

      Elimina
  3. Aw questo libro è strabellissimo *__*
    Non mi sarei mai aspettata di adorarlo così tanto, e invece mi ha sciolto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È adorabile <3 (credo che la mia adorazione per lui sia chiara nella recensione)

      Elimina
  4. Sembra un libro davvero dolce. L'ho visto girare un bel po' alcuni mesi fa, poi è un po' sparito. Grazie per avermi ricordato la sua esistenza ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti dolce è un aggettivo adattissimo per questo libro... anche io ho scoperto questo romanzo tempo fa (nelle mie prime uscite nella blogosfera) ma ho avuto l'occasione di leggerlo solo recentemente

      Elimina
  5. Ciao, bellissima recensione, si, ma ahimè io non ho provato le stesse cose che hai provato tu leggendo questo libro. Mi aspettavo una storia d’amore indimenticabile e invece no >.<
    Una storia bella, si, con personaggi azzeccati e con un elemento estremamente affascinante che è quello della poesia, ma purtroppo nulla di più. La solita storia mediocre con un taglio particolarmente drammatico. La mia prima esperienza con la Hoover non è stata sensazionale, quindi.
    E’ carina, certo, ma niente di che, ecco.
    Se vuoi leggere il mio triste parere su questo libro che prometteva di essere favoloso lo trovi qui c:
    Rainy

    RispondiElimina